giovedì 30 ottobre 2014

Classificazione dei mazzi

Ogni giocatore ha uno stile differente di gioco, e ognuno si approccia al gioco in modo diverso, in fondo la genialata di Garfield sta proprio in questo, mi ricordo come nel lontano '95 ognuno di noi amava colori e soprattutto stili gioco diversi che riflettevano in qualche modo la propria personalità.
E' per questo motivo che un particolare mazzo gira meglio nelle mani di un giocatore piuttosto che di un altro, ed è molto divertente sperimentare per capire quali sono i colori e gli stili che meglio ci vanno a genio.
Nel gioco del Magic le cose funzionano in modo approssimabile al vecchio "Morra Cinese", anche qualora ci fosse un mazzo A più forte degli altri, ne uscirebbe subito uno B costruito contro A, dopo che B avrà preso il sopravvento, ne verrà fuori uno C che batte B, ma a quel punto i giocatori ricominceranno a giocare A fino a giungere a un equilibrio.
Semplificando abbiamo 3 tipi fondamentali di archetipi in Magic:
  • Aggro: questo tipo di mazzo di solito fa affidamento sulle creature per mandare l'avversario a 0 il prima possibile
  • Controllo: fa affidamento su vari tipi di vantaggio di carte, terre e permanenti per guadagnare alla lunga un vantaggio irrecuperabile per l'avversario
  • Combo: questi mazzi sfruttano l'interazione di due o più carte per vincere la partita o andarci molto vicino.
Ovviamente esistono anche gli ibridi
  • Aggro/Control: contiene creature aggressive ma è capace di dettare il tempo della partita con specifiche magie in determinati momenti
  • Control/Combo: controlla il gioco e di solito chiude con una combo
  • Aggro/Combo: sempre affidamento sulle creature con l'inserimento di una o più combo letali o quasi
L'ultimo tipo di mazzi è detto Midrange che non è affatto facile da definire ma di solito si adattano assumendo il ruolo del Controllo contro gli Aggro e Aggro contro i Controllo.
Ovviamente il Pauper non fa eccezione e questo tipo di classificazione rimane assolutamente valido per definire mazzi e stili di gioco

Nessun commento:

Posta un commento